|

Accesso Utente

Ultimissime :

Emergenza abitativa, le precisazioni di Orsogna

di , Venerdì, 25 Luglio 2014

da Luca Orsogna, Ariano in Movimento, riceviamo e pubblichiamo

In un articolo apparso sul Quotidiano del Sud dello scorso 24 luglio, si parla dell'emergenza abitativa esistente ad Ariano Irpino.

In tale articolo Anselmo La Manna ("Movimento 5 stelle Ariano" e "Comitato per la tutela del territorio") diffonde un'informazione mistificatoria e volutamente falsa che impedisce di comprendere quali siano le reali cause dell'emergenza abitativa che interessa il comune di Ariano Irpino.

Testualmente nell'articolo si dice che: "La Manna apre la polemica perchè, da una parte si accettano gli immigrati, ai quali si garantisce vitto, alloggio, carta telefonica e piccola paghetta quotidiana e dall'altra al cittadino italiano si risponde senza risolvere il problema".

Queste affermazioni non corrispondono al vero poichè agli immigrati presenti ad Ariano, con particolare riferimento alla comunità africana, non è garantito nessun tipo di beneficio da parte dell'amministrazione pubblica, dovendo essi provvedere a tutte le loro esigenze attraverso le poche risorse che riescono a procurarsi con piccoli lavori stagionali.

Nell'articolo La Manna si riferisce al trattamento di cui sono stati destinatari i rifugiati per motivi politici e motivi umanitari fuggiti dall'Africa durante l'emergenza della guerra in Libia, estendendolo impropriamente a tutti gli immigrati.

Peraltro La Manna si riferisce ad un'emergenza di carattere nazionale conclusasi nel febbraio 2013 che è stata al centro di numerose inchieste per  aver garantito ingenti profitti agli albergatori, ma nessun vantaggio in termini di integrazione ai profughi: un vero e proprio business sulla pelle della povera gente.

Questo tipo di dichiarazioni possono unicamente innescare fenomeni d'intolleranza etnica e dare il via ad una guerra tra poveri. Il modo migliore per rendere impossibile la soluzione del problema e per coprire le reali responsabilità politiche.

Occorre tenere presente che l'emergenza abitativa potrebbe essere affrontata facendo rispettare la legalità nei meccanismi di assegnazione degli alloggi e imponendo il rispetto delle graduatorie.

Difficilmente il personale politico di Ariano sarà capace di porre fine ad una situazione di illegalità diffusa che garantisce un grande bacino di clientele.




Commenti


Articoli Correlati

Ti piace Cittadiariano.it? Aiutaci a migliorarlo: basta un "Mi piace"   :)
;