|

Accesso Utente

Ultimissime :

Proiezione "Il Treno Irpino del Paesaggio"

di , Martedì, 05 Febbraio 2013

Il prossimo 8 febbraio 2013, presso l'Istituto Tecnico Commerciale "L. Amabile" di Via De Conciliis, verrà proiettato il filmato documentario, realizzato e prodotto dall'Emittente Televisiva TESORI D'IRPINIA in occasione dell'ultima corsa del treno regionale Avellino - Rocchetta Sant'Antonio, dal titolo IL TRENO IRPINO DEL PAESAGGIO.

L'incontro formativo, sulla questione della Avellino - Rocchetta Sant'Antonio, sospesa dal 13 dicembre 2010 a tempo indeterminato, vedrà la partecipazione delle classi I° e II° dell'indirizzo turistico, attivo presso il detto Istituto.

Tale incontro rappresenta un primo concreto passo per la creazione di una sinergia tra Scuola, Associazioni e Aziende del territorio, in un legame ed una conoscenza sempre più profonda dell'Irpinia e delle sue risorse, potenziali attrattori di turismo e generatori di economia ed occupazione.

Treno Rocchetta

La proiezione è stata organizzata grazie alla disponibilità della Preside dell'Istituto "L. Amabile" professoressa Nicolina Silvana Agnes su iniziativa di Pietro Mitrione, dell'Associazione In_Loco_Motivi, con la collaborazione di Vinia Lasala, responsabile di Tesori D'Irpinia, e Agostino della Gatta, Amministratore dell'agenzia Irpinia Turismo.

L’11 dicembre 2010 è stato il giorno dell’ultima corsa da Avellino a  Rocchetta Sant'Antonio, dopo 115 anni la nostra storica ferrovia Ofantina si fermò, poichè  la Regione Campania decise, inopinatamente, che la nostra ferrovia dovesse diventare un ricordo: uno dei tanti che stanno costellando gli ultimi anni della memoria irpina. 

Eppure la più antica linea ferroviaria dell’Irpinia, inaugurata nel suo intero percorso il 27 ottobre del 1895, è una delle  tante linee ferroviarie considerate “minori” a rischio di una definitiva chiusura  di cui è necessario ripensarne l’uso o il riuso a favore del territorio che nei secoli scorsi l’aveva fortemente voluta.

E’ la ferrovia delle acque : attraversa e lambisce in più punti i FIUMI Sabato, Calore ed Ofanto. E’ la ferrovia dei grandi vini docg : attraversa i territori , servendoli con stazioni dei comuni degli areali del Taurasi e del Fiano. E’ la ferrovia del Parco Naturalistico Regionale dei Monti Picentini. E’ la ferrovia delle aree a tutela della biodiversità. E’ la ferrovia dei Borghi: storia, cultura ed identità territoriale. La nostra iniziativa è per la salvaguardia di questo patrimonio irpino …. prima che  sparisca nella generale indifferenza.


 


Commenti


Articoli Correlati

Ti piace Cittadiariano.it? Aiutaci a migliorarlo: basta un "Mi piace"   :)
;