|

Accesso Utente

Ultimissime :

Al centro di ricerca Biogem di Ariano Irpino cinque giorni sul “dubbio” tra cultura scientifica e cultura umanistica. Neuroscienze in primo piano con il Premio Nobel Erwin Neher. Ortensio Zecchino annuncia l’ingresso dell’AREA di Trieste tra i soci di Biogem e nuovi progetti con l’ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma

Con l’intervento di Luigi Fiorentino, capo di Gabinetto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, si apre ad Ariano Irpino, in provincia di Avellino, la quinta edizione del Meeting le 2 Culture. Dal 4 all’8 settembre il tradizionale confronto tra sapere scientifico e umanistico al Biogem, l’istituto di ricerche genetiche e alta formazione presieduto da Ortensio Zecchino, ruoterà attorno ad un tema che da sempre accompagna il cammino dei pensatori e quello della gente comune: il dubbio.  “Il dubbio – spiega Zecchino ricorrendo alle parole di Sant’Agostino – fa parte di noi ed è fondamentale per capire, ma guai ad assolutizzarlo: diventerebbe una certezza paralizzante”.

E la prima cosa ad essere passata al setaccio del dubbio sarà il “metodo scientifico” con la prolusione di Antonio Ereditato, fisico dell’Università di Berna e direttore dell’Albert Einstein Centre for Fundamental Physics.

Sarà un’edizione caratterizzata dalla presenza del Premio Nobel Erwin Neher, uno dei maggiori studiosi del cervello e dell’elettrofisiologia delle cellule che, sabato 7 settembre, parlerà dei suoi più recenti esperimenti e dei nuovi scenari delle neuroscienze.

Ma le sinapsi tra mondo scientifico e scienze umane, laboratori e biblioteche, microscopi e sguardi poetici permeeranno tutto il programma del meeting con le relazioni sul “comportamento tra libertà e genetica”, “rischio sismico tra scienza e giurisprudenza”, “ progresso scientifico tra speranze e paure”, “l’autocoscienza tra fisica e metafisica”,  fino ad arrivare ai grandi interrogativi della religione e della fede.

Il genetista Bruno Dallapiccola, direttore scientifico del “Bambin Gesù” di Roma, parlerà della rivoluzione della “medicina personalizzata”. E proprio il “Bambin Gesù” sarà l’interfaccia di nuovi progetti di ricerca clinica che saranno sviluppati nei prossimi mesi da Biogem nel settore dell’oncoematologia. “Biogem – sottolinea il Presidente Ortensio Zecchino - continua a crescere anche in questi tempi difficili. Abbiamo registrato con grande piacere quest’anno l’adesione nel consorzio dell’Area di Trieste, uno degli enti di ricerca pubblici più importanti d’Italia, che insieme all’Università di Foggia, alla Federico II e al Suor Orsola Benincasa è diventato nostro socio. E' un segnale certamente positivo”.

Tra gli ospiti del Meeting le 2 Culture 2013 il presidente dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Stefano Gresta, accademici del calibro di Sebastiano Maffettone, Carmelo Dotolo, Stefano Manferlotti, Alberto Oliverio e Mario De Caro.

Domenica 8 settembre saranno consegnati anche il Premio Rotary Club Avellino Est Centenario ad un’idea innovativa e il Premio Letterario “Maria Antonia Gervasio” alla migliore opera di divulgazione. Tutte le sere nel segno del “dubbio nella letteratura” con letture e percorsi con Ilaria Bevere, Paola Villani e Nicola Prebenna che includono anche un omaggio a Carlo Gesualdo, il principe dei musici, nel quarto centenario dalla morte. A chiudere il Meeting sarà il vicepresidente della Giunta Regionale della Campania Guido Trombetti.


Commenti


Articoli Correlati

Ti piace Cittadiariano.it? Aiutaci a migliorarlo: basta un "Mi piace"   :)
;