|

Accesso Utente

Ultimissime :

Le altre arianesi - Un rigore decide il derby per il Real sullo Sporting. Punto d'oro della Manna

di , Domenica, 23 Novembre 2014

Per il settimo turno del campionato di Prima Categoria, eccezionalemente ci concentriamo su tutte le gare delle squadre arianesi. In primis sul derby, ma anche sul match della Manna contro il fortissimo Artemisium.

Sporting Ariano - Real Ariano
SAVIGNANO IRPINO - Nell'insolito scenario di Savignano Irpino (per indisponibilità del "Renzulli") e in un insolito orario mattutino, il Real Ariano vince il derby arianese contro lo Sporting Ariano per 2-1. Gara decisa da un rigore che ha scatenato l'ira dei padroni di casa. Il match prende il via con il Real che fa la partita e lo Sporting che prova ad agire di rimessa. Ma al 4', alla prima occasione del match, il Real passa già in vantaggio: discesa di Stefano Lo Conte, che mette in mezzo per l'accorrente Memoli, che insacca per l'1-0 degli uomini di Marinaccio. Lo Sporting risponde immediatamente con Saldutti, che di testa impegna Cardinale alla parata. Poi la gara si "addormenta" e bisogna attendere il 35' per vedere un'occasione degna di nota con un tiro-cross di Alessandro Lo Conte sul quale Cardinale viene colto di sorpresa, ma riesce ugualmente a rifugiarsi in corner. Al 39' Stefano Lo Conte fa tutto benissimo ma conclude debolmente. Si va al riposo così, sull'1-0 per il Real, che manovra meglio ma non trova spazi e in due occasioni ha rischiato di farsi pareggiare. Inizia la ripresa con il Real che capisce il pericolo e prova a chiuderla. Il fato gli è contro, però, e in due occasioni lo Sporting riesce a salvarsi: al 5' tiro di Meloro respinto dal portiere Castagnozzi, sul prosieguo il palo centrato in pieno da Stefano Lo Conte; al 10', invece, è Nicola Lo Conte che salva sulla linea benissimo su Maraio, che col suo tiro supera anche il portiere. Marinaccio capisce che bisogna chiuderla e fa entrare Musto, non al top e tenuto in panchina in avvio. Ma le occasioni sono state sprecate ed ecco puntuale la punizione. Al 15' Rollo, appena entrato, di testa costringe i rivali a rifugiarsi in corner e sugli sviluppi dello stesso ecco che proprio Rollo raccoglie il cross e deposita in rete il pallone del pareggio. Lo Sporting prende coraggio, approfittando anche del nervosismo che sale in casa Real. Al 20' Grasso mette in difficoltà la difesa avversaria, con Costanzo che ci mette una pezza rifugiandosi in corner. Poi il Real si affida a Musto, che prima spreca di testa al 24' di poco a lato e poi al 30' quando tutto solo preferisce provare a scavalcare il portiere ancora di testa invece di provare il pallonetto. Ma al 31' Musto si fa perdonare: entra in area e prova un cross, che finisce sul braccio di Antonio Cardinale; per Di Falco è rigore. Proteste veementi dei giocatori dello Sporting che reputano involontario il tocco, lo stesso Cardinale viene espulso. Dal dischetto Musto non sbaglia ed è di nuovo vantaggio Real. Poi quasi più nulla. Al 39' si segnala un errore di Meloro con un diagonale di poco a lato e nel recupero lo stesso Meloro si fa espellere per doppia ammonizione, dopo aver ingenuamente allontanato il pallone rallentando il gioco, quando era già ammonito. Ma l'evento non è determinante ai fini del risultato. Finisce 2-1. Sporting ancora ultimo e senza sconfitte, ma infuriato con il direttore di gara per le sue decisioni. Real che vince e aggancia l'Artemisium al secondo posto, in attesa di conoscere il risultato della capolista Accadia.

Sporting Ariano: Castagnozzi F., Lo Conte N., Castagnozzi A., Caso, Cardinale An., Albanese, De Gruttola, Senape (38'st Cardinale Al.), Saldutti (15'st Rollo), Grasso (38'st Gallo), Lo Conte Al.. All.: Alborelli
Real Ariano Irpino: Cardinale, Santosuosso, Mazzarella, Imbimbo, Norcia, Costanzo L., Lo Conte (9'st Macchione G.), Meloro, Armonico (30'st Macchione A.), Maraio (9'st Musto). All.: Marinaccio
Arbitro: Di Falco di Benevento
Marcatori: 4'pt Memoli (RA), 16'st Rollo (SA), 32'st Musto rig. (RA)
Espulsi:
al 31'st Cardinale An. (SA), al 47'st Meloro (RA)


manna-artemisium

Ariano Manna - Artemisium
ARIANO IRPINO - Lo spettacolo non è un invitato molto gradito al “Renzulli” e la sfida tra Ariano Manna e Artemisium ne risente, concludendosi con un giustissimo pareggio per 1-1. Gara che vede le due squadre molto attente ma allo stesso tempo molto contratte. La fase difensiva funziona alla perfezione sia per i padroni di casa sia per i pugliesi, che non lasciano spazi alle manovre degli avversari. L’Artemisium si presenta ad Ariano Irpino forte del suo secondo posto e concentrato per confermare le sue ambizioni di vertice, sebbene privo di elementi importanti come Cavallone e Catalano, che partono dalla panchina. La Manna è alla prima senza Felice Grasso allenatore, sostituito dal nuovo tecnico Mario Grasso, che a inizio anno ha guidato la Vis Ariano in Eccellenza per due partite prima dell’arrivo di Puzio per poi passare alla guida della squadra juniores dello stesso club. Primo tempo senza grandi sussulti. L’unica occasione maggiormente degna di nota nella noia generale è un colpo di testa insidioso di Zottola deviato in corner al 25’. Poi nulla. Manna che contiene benissimo l’Artemisium, che fa altrettanto. Si ritorna in campo e la ripresa sembra seguire lo stesso canovaccio del primo. Ma all’11’ la svolta: Giorgione commette un fallo in area di rigore sull’esperto Zottola, che induce il direttore di gara a fischiare il penalty. Proprio Zottola trasforma realizzando il vantaggio dell’Artemisium. Sembra ormai fatta visto che la Manna fatica a creare occasioni pericolose, a parte una punizione dalla destra di Giorgione al 25’ sulla quale però nessuno arriva in area di rigore. L’Artemisium, però, ha il demerito di non chiudere il match, con Danza che si divora il 2-0 solo davanti a Ciasullo al 32’. Gol mancato, gol subito, come sempre nel calcio. Al 39’ assist preciso e bellissimo di Guardabascio per la testa di D’Innocenzio, in ombra fino a quel momento, e palla in rete per il pareggio. L'attaccante pesca sugli spalti l'ex tecnico Felice Grasso e gli dedica la sua rete. L’Artemisium prova a riprenderla inserendo Cavallone e Catalano e per poco non ci riesce con Ferrara all’ultimo minuto, ma Ciasullo con un autentico miracolo gli “chiude la porta in faccia”. Termina 1-1, per ciò che si è visto in campo, risultato giusto e ottimo esordio per Mario Grasso, che prende un punto contro un avversario tra i più quotati dell'intero raggruppamento. 

Ariano Manna: Ciasullo, Tarone (21'st Guardabascio), Melito A., Spartaco, Saracino, Riccio, Sebastiano (43’st Vitillo), Giorgione (26’st Melito G.), D’Innocenzio, Fanini, Ciccone. All.: Grasso
Artemisium (4-3-3): Garruto; Iacullo F., Corvino, Ferrara, Carità; Barbetta, Aquilino, Lo Muzio (40’st Cavallone); Camillo (27’st Zazzera), Zottola, Danza (40’st Catalano). All.: Romano
Arbitro: Pragliola di Avellino
Marcatori: 11'st Zottola rig. (A), 39'st D'Innocenzio (AM)

Note: l’Artemisium presenta una numerazione personalizzata, anziché l’ordinaria numerazione dall’1 all’11


Commenti


Articoli Correlati

Ti piace Cittadiariano.it? Aiutaci a migliorarlo: basta un "Mi piace"   :)
;