Accesso Utente

Il PSI sulla gestione neve di Gambacorta: "Al peggio non c'è mai fine"

di , Lunedì, 05 Gennaio 2015

una nota della Sezione arianese PSI “Ireneo Vinciguerra” :

Prendiamo atto che la già ampia maggioranza che sostiene il sindaco Gambacorta si è allargata ad un nuovo componente: la buona sorte. Infatti, se il 30 ultimo scorso non è stato un giorno di tragedia, lo è stato solo grazie alla nostra buona sorte. Se la salute degli arianesi, e non solo di questi, deve essere affidata all’imponderabile, c’è da essere fortemente preoccupati.

Ancora più seriamente preoccupati dobbiamo esserlo per l’affermazione del nostro signor Sindaco, il quale sostiene, bontà sua, che “non una sola ambulanza non ha potuto raggiungere l’ospedale”, seguito a ruota dai suoi assessori che, sui social network, si sono affrettati, con una buona dose di ironia, a scaricare le responsabilità di ciò che è accaduto sui cittadini, colpevoli di non essersi attrezzati con le dotazioni minime per affrontare la neve, dimenticando che i mezzi comunali sono usciti in strada solo alle ore 20:00.

È evidente che il Sindaco e i suoi assessori non sono a conoscenza di quanto accaduto nei pressi della fontana della Maddalena ove un’ambulanza con le normali dotazioni “antineve”, per l’appunto, ha speronato un’auto e dove si è verificato un ingorgo spaventoso, con una serie di tamponamenti a catena, che si è protratto per almeno due ore.

A nulla è servito l’intervento di una disperata pattuglia della Polizia di Stato la quale, estremamente preoccupata per l’impossibilità di raggiungere l’ospedale, ha cercato di prodigarsi come poteva, anche tempestando di telefonate il nostro Comune dal quale non arrivavano risposte. Stesse scene disperate si sono verificate in via Fontananuova e in via S. Antonio.

Sarebbe bastato porre attenzione alle previsioni meteo e spargere un po’ di sale per tempo, per evitare quanto accaduto.

D’altra parte, quanto da noi affermato trova esplicita conferma in una nota della consigliera comunale delegata alla protezione civile, la quale, nella sua ruspante prosa, non solo cerca di scusarsi per la carenza del proprio operato adducendo a discolpa la propria inesperienza, ma sostiene una in eludibile verità: “a capo della protezione civile vi è il Sindaco”. Del Sindaco era la responsabilità di un intervento che non c’è stato.

Sconcertante è poi l’affermazione di Gambacorta sulle disdette che i nostri ristoranti hanno registrato ed il conseguente danno economico subito, primo perché il settore della ristorazione è una importante voce della economia cittadina, secondo perché proprio in quel settore il sindaco Gambacorta annovera molti dei suoi grandi elettori, terzo perché per tutto il periodo delle feste, non solo a causa della neve, Ariano è stata irraggiungibile senza che egli se ne preoccupasse. Non un solo intervento sul traffico è stato messo in atto. Nella nostra città era impossibile entrarvi, tanto quanto uscirvi.

Insomma, nulla di nuovo sotto il sole. Di nuovo il solito scarica barile delle responsabilità, di nuovo improvvisazione, di nuovo pressappochismo, come ha evidenziato il melanconico, mercatino organizzato in piazza Plebiscito che non si sa quanto sia costato alla nostra Comunità.

Pensavamo che peggio di quanto fatto dalla scorsa amministrazione (che è stata peggiore della precedente a guida Gambacorta) non si potesse, ma dobbiamo sconsolatamente ricrederci: al peggio non c’è mai fine.

*foto di repertorio



Articoli Correlati

Rimani sempre aggiornato, diventa nostro Fan su Facebook!