Accesso Utente

Ora è ufficiale: domenica sarà Real Ariano-Honveed Coperchia

di , Martedì, 09 Giugno 2015

Habemus finalem. Sappiamo finalmente quale sarà l'avversaria del Real Ariano domenica prossima nello spareggio-promozione, ultima chiamata per salire di categoria. Gli arianesi ospiteranno la Honveed Coperchia.

Si sa questo dopo che la finale play off del girone E tra Taurano e Scandone ha decretato un pareggio dopo i supplementari, che premia il club del Vallo di Lauro per la miglior posizione in classifica nella regular season. Sono dunque tutte seconde classificate le squadre che si presenteranno alla resa dei conti.

Il Real Ariano è la squadra con la miglior media punti e quindi le spetta quella con la peggiore. Come detto in apertura si tratta della Honveed Coperchia. Si tratta di una formazione del paese di Pellezzano, nella provincia di Salerno. La Honveed era stata inserita questa estate nel girone F, quello misto salernitano e napoletano. In campionato la formazione di Pellezzano ha chiuso seconda ma ben distante dal Pandola vincitore del girone (ben 14 punti in meno). Nei play off, giocati sempre in casa, in semifinale la Honveed ha superato la Virtus Di Giorgio per 2-1; mentre nella finale ha avuto la meglio sul Giovi per 1-0.

Due vittorie di misura e uno score durante la regular season non proprio entusiasmante che conta 15 vittorie in 28 gare (con 8 pari e 5 sconfitte). Score buono, ma non paragonabile a quello del Real Ariano, che come se non bastasse ha avuto anche un attacco nettamente migliore e una difesa che ha subito dieci reti in meno dei prossimi avversari.

Sulla carta non sembra impossibile, ma negli spareggi subentrano altri fattori. Anzitutto quello mentale. Loro arrivano carichi a mille dopo aver vinto i play off. Il Real Ariano si spera abbia smaltito la botta della sconfitta ai rigori nello spareggio per il primo posto a Sturno, che è stata una mazzata. C'è poi il discorso sulla tenuta atletica. La Honveed non ha perso il ritmo: negli ultimi 15 giorni ha giocato due partite. Gli arianesi non giocano dalla gara maledetta di Sturno (3 settimane) e a questo si devono aggiungere alcune defezioni. 

Ma c'è un'arma che può fare la differenza. Si chiama "Silvio Renzulli". Domenica può essere una bolgia. Deve essere una bolgia. Lo sarà. Facciamo vedere cosa significa giocare ad Ariano Irpino. La meritate, fateci sognare. In bocca al lupo ragazzi. 



Articoli Correlati

Rimani sempre aggiornato, diventa nostro Fan su Facebook!