Accesso Utente

di Luigi Pietrolà, tratto dal libro "Lu iianco e lu nniro"


Eva nu simbolo Giurgione pi tutta ‘na ginirazione, e si nun pinsamo a curto tanno lu centro nun eva muorto, pi ognuno di nui, si pensa luntano, ti rapprisintava Ariano.

Eva lu centro di città nun ci steva niente da fà, e si iivi truvanno la cunfusione sotto a li portici di Giurgione.

Pi là sotto, cintinara di giùvini ‘mbustati ca si uardavano la passiàta.

Ci steva tanno miezzo a loro lu mistiero di lu ‘mbustatore, ch’eva quiro ca a tutte l’ore acchiappava chiù quatrare, la sigaretta mocca e lu pere alizàto ‘nfaccia a nu pilastro steva appustato, l’occhiale da sole la scarpa pizzuta lu capello lucido e la cammisa spuntata, e atturniàva sotto e ‘ncoppa còcche picurella zoppa.

Quann’ eva puntato na quatrara roppo tre giri chiazza chiazza firrara, l’addummannava si pi stà chiù tranquilla, vuleva jj ‘ncoppa a villa, sapènno già, ca si ni li reva retta, e si vuleva fa tirà la calizetta, pi nu spricà nu viaggio, si la purtava ‘ncoppa li scalini di S. Biaggio invece coccheruno eva chiù fortunato, si già abbuscava na maniata, ‘nnand a li porte di sicurezza l’acchiappava pi na trezza, stritti stritti ‘ndà quere nicchie pì nu vaso, scandalizzavano li viecchi.

Rintu lu bar o pi nnanz a lu bancone na folla di uagliuni e na cunfusione, e cu na birra mmano a tuttu urario la buonanima di lu cummissario, si mitteva ponta ponta, e si sursiggiava la bionda.

Tanno ‘nci stevino li tilifunini e pi chiamà sulu tre cabine, ti chiurivi rinto, pi nun ti fa sente, roppo ca t’ivi fatto rà la linea da Ridente, chiusu la dinto tuttu surato, nun putivi tinè troppo occupato, sino tìabbiavano a tuzzilà coccherun’ato ch’eva chiamà.

Lu cinima po,’ eva sempe affullato, vecchi giuvini e nnamurate, famiglie sane specie li iourni di feste si li piacevano li manifeste, film di sceriffi cu Grinco e Sartana, Franco e Ciccio e cu l’indian.

Cartolina Ariano

Tutta la folla participava appena lu cinima abbiàva, e sintivi l’allucchi, quanno ci steva, lu fitente ca vinceva, nun vulevano sente raggiuni evìna vence sempe li buoni.

Na vota a settimana saglieva puru Silvana, s’assittàva a la scurìa, invece di stà miezzu la via, e lu scopo, èva trimènte s’acchiappava còcche cliente, si uardava tuorno tuorno, mentre facevano lu film porno.

Pi nui invece, lu problema eva a trasì, quann’eva di mercuri, ca si faceva lu film vietato e t’iva sta attiento si t’ivi n’filato, circavi di jj a lu cabinetto e po’ trasivi senza biglietto, ma puru ascì t’iva sta accòrt, t’aspittava Nicola, pi ‘nnanz la port, e Vittoria cu na uardata ‘nfaccia, si n’accurgeva l’età, senza virè la carta d’idendità, e ti n’accurgivi ca oramai ivi gruosso, sulu a lu mumento, ca pì trasì, nun ci vuleva chiù lu ducumento.

Come abbiàva la pruizione, tutti alluccavano, “...forza Giappone...”, A lu piano di coppa, ‘ndà la galleria, stèvino li coppie a la scuria, andò ognuno chiano chiano, puteva puru allungà la mano, ma purtroppo n’dà lu‘mbruoglio succireva cocche sbaglio, e sintivi lu schioppo, di còcche schaffittone, ca’ s’intirrumpeva la pruizione.

N’coppa a li terrazze a la stagione ogni sera nu viglione, e puru là, pi nun paià l’entrata s’eva fattu na pinsata, si scavalcava lu muraglione a confine cu Giurgione, e si traseva cu lu core n’ganna, da rinto a l’uorto di moniche di Sant’anna.

Li terrazze e lu risturante evino quiri chiù elegante, fino a tardi tutti li sere centinare di furistiere, si trattenevano pi San Francisco e si pigliavano lu frisco, e vinevano da luntano puru da Napule e còcche fuggiano, e chi tineva problema di rispirazione steva tutta la stagione, e quanno l’aria frischiàva da li terrazze s’addicriàva, si saziavano la fama, e si uardavano lu panurama.

Uardanno mo, sta struttura mi metto sempe nu poco paura, e passianno sotto andù Giurgione senza n’anima viva, vierno e stagione, cu lu piricolo, ca scunocchia cocche pilastro e ti cumbina nu disastro, o mi care ‘ncapo cocche canalone, o còcche lastra di nu finistrone, pinsanno a vint’anni fa….mi vene proprio lu magone.

Terrazze Hotel Giorgione



Articoli Correlati

Rimani sempre aggiornato, diventa nostro Fan su Facebook!