Accesso Utente

RIFORMA DELLA MAGISTRATURA CONTABILE: IL GOVERNO MODIFICA IL CONTROLLO DELLA CORTE DEI CONTI E PROROGA LO SCUDO ERARIALE - Avv. Guerino Gazzella

di , Giovedì, 06 Giugno 2024

RIFORMA DELLA MAGISTRATURA CONTABILE: IL GOVERNO MODIFICA IL CONTROLLO DELLA CORTE DEI CONTI E PROROGA LO SCUDO ERARIALE

Il decreto che cancella il controllo economico della Corte dei Conti sulla gestione dei soldi del Pnrr
è stato oggetto di critiche da parte dei magistrati contabili che vedono limitato il potere di controllo
sulla gestione dei soldi del Pnrr.
Lo scudo che impedisce la contestazione del danno erariale per colpa grave è stato prorogato per un
altro anno, fino al 30 giugno 2024.
Tale modica al decreto legge sulla Pubblica Amministrazione, che esclude la Corte dei Conti dal
controllo simultaneo delle operazioni del PNRR e del Piano Nazionale Complementare viene
considerata come il primo passo di una riforma più ampia che mira a riconsiderare globalmente
l’azione della magistratura contabile su tre fronti: la disciplina della responsabilità erariale, il
meccanismo del controllo simultaneo e l’adozione di un nuovo “codice dei controlli”.
Pertanto, la premier Meloni si è messa sulla difensiva, sostenendo di aver semplicemente replicato
quello che ha fatto il governo Draghi.
Frattanto, il clima a Montecitorio è teso, l’opposizione proverà a tirarla per le lunghe e a far slittare
il voto finale.
La situazione attualmente è questa:

- Il Pd presenterà 50 ordini del giorno, altrettanti dovrebbero arrivare da M5S e Sinistra-
Verdi;

- Il terzo Polo dirà di no sia alla fiducia che al voto finale, dopo che Calenda aveva aperto
nel merito dicendo: “il provvedimento aiuta a spendere meglio”;
- In aula, d’accordo con i renziani di Iv, si voterà no: “Ovviamente”, chiosa il leader di
Azione;

Le toghe sono compatte, pronte per scioperare contro il governo come misura estrema di protesta,
sciopero evocato come necessario da un gruppo di giudici nella lunga e angosciata assemblea che
s’è tenuta alla Corte ieri.
I magistrati della corte dei conti ribadiscono e precisano quanto sia essenziale il controllo
concomitante della Corte dei Conti e lo scudo erariale, il quale non è soltanto un potere tolto alla
Corte, bensì un passo che mette a rischio la tutela dei cittadini.
Inoltre, i magistrati ritengono difficile accettare lo scudo erariale poiché contrasta con la decisione
della Corte Costituzionale che stabilisce che “le restrizioni devono essere di breve durata”.
Occorre fare una precisazione sulla disciplina dei controlli della Corte.

Il primo decreto sull’attuazione del Piano Nazionale di ripresa e resilienza, tra i diversi aspetti,
disciplina i controlli sui fondi del Pnrr da parte della Corte dei Conti. Tale decreto, che
rappresentava uno degli obiettivi più importanti del Pnrr, è stato rendicontato positivamente dalla
Commissione. Tale norma non solo non viene in alcun modo modificata, ma è proprio la sua
corretta attuazione che il governo vuol realizzare.
Infatti all’art. 7 comma 7, il decreto prevede: “La Corte dei conti esercita il controllo sulla gestione
di cui all’articolo 3, comma 4, della legge 14 gennaio 1994 n. 20, svolgendo in particolare
valutazioni di economicità, efficienza ed efficacia circa l’acquisizione e l’impiego delle risorse
finanziarie provenienti dai fondi di cui al Pnrr. Tale controllo risponde ai criteri di cooperazione e di
coordinamento con la Corte dei conti europea, secondo quanto previsto dall’art. 287, paragrafo 3
del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea”. La legge in questione, quindi, affida alla
Corte dei conti il controllo sui fondi Pnrr nella modalità del controllo successivo sulla gestione e
non del controllo concomitante, con criteri di cooperazione e coordinamento con la Corte dei conti
europea. Dunque, la disciplina dei controlli della Corte dei conti sui fondi del Pnrr non solo resta in
vigore, ma viene pienamente attuata.
Il Governo condivide il fatto che “il Recovery necessita di un quadro di controlli che siano adatti e
proporzionati alla sua natura unica e in modo che i programmi di spesa si basino sull’efficienza”.
A cura dell’Avv. Guerino Gazzella
06.06.2024