Accesso Utente

La nota del CdA dell'AMU: "Meritiamo non moniti ma elogi"

di , Domenica, 14 Aprile 2013

La nota del Consiglio d'Amministrazione dell'AMU:

"Ingiustificato ed inaspettato il monito che l'assessore ai trasporti del Comune di Ariano Irpino Luciano Leone, rivolge al CDA dell'AMU. A dire il vero ci si aspettava un elogio da parte dell'amministrazione Comunale, per aver in questo primo anno di gestione chiuso un Bilancio che rispetto a quelli passati risulta essere migliore, avendo ridotto notevolmente i costi ed avendo ricondotto la gestione amministrativa ad un contenimento quasi totale della debitoria accumulatasi nel corso delle passate amministrazioni. Si ricorda che l'AMU nel corso di pochi anni si è vista ridurre l'apporto da parte del Comune di circa € 200.000,00, oltre la riduzione del rimborso chilometrico da parte della Provincia a fronte di costi sempre crescenti dovuti principalmente al personale ed al carburante in continuo aumento. Questo CDA ha cercato di contenere i costi di gestione, e continua a farlo, attraverso una attenta attività di razionalizzazione del programma di esercizio. Non ultimo l’ulteriore taglio alle corse deliberato a fine marzo, e chiesto a viva voce dalla Provincia di Avellino. A ciò si aggiunga il quasi azzeramento dei compensi del CDA, per fare un esempio il compenso del Presidente è passato da Circa € 3000,00 al mese di qualche anno fa a € 800,00 al mese, lordi. Se non bastasse è stato varato un Piano Industriale che ha cercato di porre delle linee guida sulle quali muoversi per attuare il risanamento aziendale, trasmesso al Socio Unico i primi di gennaio 2013 ed a tutt’oggi ancora privo di indicazioni operative da parte di quest’ultimo.

Sull'acquisto degli automezzi con un contributo da parte dell'Amministrazione Comunale, è vero il Consiglio Comunale ha deliberato che tale contributo venisse concesso ma di fatto non è stato mai elargito, anzi è stato ridotto, a dire di chi di competenza, ad € 41.0000,00 contro i 50.000,00 € stanziati.

L’affidamento dei parcheggi, sul quale questa azienda conta e contava perché si ritiene sia una leva necessaria per evitare il collasso, ancora oggi è oggetto di una forte strumentalizzazione che ne ostacola il buon esito. Non è ancora del tutto chiara la volontà del socio pubblico, tuttavia si auspica che, per la sopravvivenza dell’azienda, giungano segnali e decisioni concrete entro il prossimo mese di maggio. Altra questione poi e la gestione dell'area di Scarnecchia, si ricorda alla cittadinanza che quell'area esiste da molti anni e per quell'area sono stati spesi molti soldi, ma solo oggi ci si ricorda dell'esistenza, dimenticando però che questo Consiglio di Amministrazione non solo ha bonificato tale sito ma lo ha reso agibile per il lavaggio degli automezzi in proprio ed aprendo il lavaggio anche agli esterni. L'area di sosta per essere utilizzata richiede un investimento che l'AMU in questa fase non può e non deve fare.

E' opportuno, poi, sorvolare sull'assegnazione della corsa Difesa-Grande-Ariano all'AMU, in quanto non si può assegnare una corsa a chi è o dovrebbe essere il titolare della corsa stessa.

Pertanto è inutile perdersi in sterili polemiche. L’interesse di questo CdA è quello di affrontate le diverse problematiche aperte per risolvere la questione AMU, una volta per tutte.

L'Amministrazione Comunale ed il CDA dovrebbero muoversi in simbiosi e soprattutto nell’interesse dei cittadini di Ariano Irpino e dei dipendenti dell’azienda. Non è utile a nessuno, soprattutto nell’attuale difficile momento, cercare vittime sacrificali. Qualora si ravvisi la volontà di salvare l’azienda, abbiamo la necessità di aprire un serio tavolo di confronto con tutte le parti politiche locali e tutte le Istituzioni sia Provinciali che Regionali.




Articoli Correlati

Rimani sempre aggiornato, diventa nostro Fan su Facebook!