|

Accesso Utente

Ultimissime :

Dieci anni fa moriva una delle voci più limpide della cultura irpina. Giovanni Luogo ha girato il mondo con i suoi tazebao

di , Martedì, 17 Gennaio 2017

Giovanni Luongo girava sotto il peso dei tazebao artigianali e di quella profezia scagliata contro il male familiare e sociale. L'anziano professore di storia e filosofia originario di Torre le Nocelle ma residente ad Avellino ha viaggiato in lungo e in largo per diffondere il suo credo laico. Ha dormito come un clochard nelle stazioni del nord Italia e dell'Europa comunista con quei cartelloni che lo hanno reso famoso come i palloncini colorati che donava ai bambini. Dieci anni fa moriva in un letto d'ospedale a Prato

in seguito a un intervento chirurgico al femore. Dieci anni senza di lui, senza la sua voce aspra e ferma senza i suoi insegnamenti sferzanti che hanno accompagnato la gioventù di generazioni di irpini. La sua figura possente e dinoccolata, la sua favella forbita, lo hanno reso comunque immortale eppure Avellino, la sua amata Avellino (viveva nel popoloso quartiere di san Tommaso) lo ha subito dimenticato e a oggi non gli ha intitolato nemmeno una via. Lui che pure si è sforzato di indicare la retta via a genitori distratti e affaccendati, a figli disubbidienti e scalcagnati, a generazioni cresciute solo con troppi soldi in tasca e sempre meno sogni nel cassetto.


Commenti


Articoli Correlati

Ti piace Cittadiariano.it? Aiutaci a migliorarlo: basta un "Mi piace"   :)
;