|

Accesso Utente

Ultimissime :

Giorgione: "Non discredito nessuno, le mie sono solo considerazioni e osservazioni"

di , Sabato, 09 Marzo 2013

la replica di Luciano Giorgione al vicesindaco Crescenzo Pratola:

E' mio dovere civico fornire una risposta al vicesindaco Pratola, preciso di non screditare nessuno, mi sarei aspettato con atto di coscienza e onestà, le dimissione dello stesso, i fatti dicono tutt'altro, ma non è giunto il momento di fare politica, quello lo riserberò in seguito.

Le dimissione dell'assessore Monaco, dell'assessore Lo Conte, il dirigente Di Cecilia trasmettono all'opinione pubblica il messaggio di inefficacia e inefficienza della cosa pubblica e l'incapacità di dialogo e risoluzione dei problemi da parte dell'impianto amministrativo comunale. L'economia arianese è in forte crisi e l'amministrazione querelle con l'ampliamento del cimitero, come trovare un'altro milione e seicento mila euro.

La chiave di lettura e interpretativa del Dirigente dell'UTC e del vicesindaco sono assolutamente fuori luogo, per il primo posso anche comprendere, ma per il secondo assolutamente non transigo.

L'attuale amministrazione ha fatto morire un paese, in quattro anni di governo non ha pensato ad altro che arruolare scilipoti per restare a galla, presumibilmente per affari personali e non per affari della comunità. Il territorio cementificato, si sta dirigendo verso il declino ambientale senza precedenti, ora quelle case sono vuote, con l'onere di pagarci le tasse, aumentate dal 20 al 50% dietro promesse insulse fatte in campagna elettorale. Il vicesindaco sono decenni che pratica il Palazzo di Città, sarebbe ora di concedersi in riposo e lasciare il posto ai giovani? Ho parlato di razionalizzazione del lavoro, ma c'è ancora chi ne ha tre quattro o forse più.

Voglio inoltre ricordare che nel 1988 andai via da Ariano proprio perché il sistema era malato, se non raccomandato, non c'era alcuna speranza di sopravvivenza. Lasciai pressappoco le stesse figure al comando, a distanza di venticinque anni chi ritrovo, gli stessi, non è democratico codesto comportamento spudorato di esercitare la "buona politica". Si sono consumati concorsi su misura, per assumere sorelle e fratelli di consiglieri, cognate e cognati di assessori e così salendo la scala, se mi permettete io e 3028 cittadini non vogliamo essere rappresentati da codesti mestatori della politica, Ariano oggi si presenta con strade dissestate, periferie e opere pubbliche abbandonate, incompiute, inefficacia e inefficienza a 360° dei servizi per responsabilità della classe politica e non dei lavoratori, come mi attribuisce Pratola e si ricordi che nell'ufficio che tanto decanta si è consumato del peculato e non faccia lo gnorri.

Le aziende locali chiudono i battenti, per mancata introspezione politica, prossimamente toccherà al trasporto, l'assenza di proposte concrete per arginare il fenomeno dilaga ogni giorno di più. So benissimo che per gli attuali rappresentati si sta avvicinando l'ora della verità, dunque capisco l'esternazioni che consumano contro il sottoscritto, ma non temete che i cittadini sono contenti e hanno capito di cambiare questo fallimentare sistema. La musica finora è stata suonata sempre dagli stessi musicisti, esigiamo cambiare.

Inoltre invito il vicesindaco a dare informazioni più corrette sulla mia persona e sulla residenza, se vuole intavolare un dialogo democratico, perché carissimo Lei non ha soddisfatto il desiderio di nessuno, anzi mio padre ha contribuito, a far cassa al comune visto le condizioni di cui gode. Le suggerisco di provare a vivere per un ventennio, godendosi la sua pensione, in contesti dove esiste il senso civico e l'onestà comportamentale dell'individuo, la legge del fare, non quella delle chiacchiere.

Sono un libero cittadino, rispetto le persone e pretendo dalle stesse rispetto, però non tollero i furbi di turno che raccontano fregnacce, e se devo dire che le cose così non vanno; sarò padrone di essere democratico, concreto e realista, di non appartenere a nessun padrone. Dovevate rendervi attivi prima, ora è tardi. Viva la Libertà e la Legalità.


Commenti


Articoli Correlati

Rimani sempre aggiornato, diventa nostro Fan su Facebook!