Accesso Utente

Emergenza profughi Il prefetto Sessa: "Situazione drammatica. Collaborate"

di , Mercoledì, 15 Aprile 2015

Non c'è tempo da perdere davanti all'esodo umano dal continente africano. Negli ultimi giorni sono ripresi, e pure massicciamente, gli sbarchi in Sicilia complice il bel tempo. L'isola è al collasso, il Viminale ha lanciato di nuovo l'allarme e chiesto la collaborazione a tutti i prefetti italiani per aiutare la Sicilia allo stremo.

Nelle ultime ore in Irpinia sono arrivati novanta profughi che si sommano a quelli già presenti da un anno nella nostra provincia. In totale sono 620 i migranti ospitati nelle strutture ricettive irpine.

Il prefetto di Avellino, Carlo Sessa, reduce da un vertice che si è tenuto a Napoli con i colleghi campani, lancia un appello accorato ai sindaci irpini:

"Collaborate. La situazione è drammatica, e non possiamo tirarci indietro davanti a un'emergenza umanitaria affrontata con mezzi ordinari e con pochissime risorse. Fino a quando però si può andare avanti così"?

La domanda che si fanno tutti in queste ore. Si sa che il numero di presenze sul nostro territorio è destinato inevitabilmente a salire, e tutti i Comuni irpini sono chiamati a fare la loro parte. Al momento però solo otto paesi da un anno ospitano i profughi: Mercogliano, Monteforte, Venticano, Flumeri, Montefredane, Ospedaletto d'Alpinolo, Forino, Pietrastornina. Considerata l'estrema gravità del fenomeno i prefetti potrebbero requisire case e strutture dismesse per dare accoglienza ai richiedenti asilo giunti nelle ultime ore sulle coste siciliane dopo traversate ai limiti dell'immaginazione.



Commenti


Articoli Correlati

Rimani sempre aggiornato, diventa nostro Fan su Facebook!