Accesso Utente

Europa e Conference League: le chance delle italiane

di , Giovedì, 20 Gennaio 2022

Mentre l’Inter e la Juventus cercheranno di mantenere alto l’onore della bandiera italiana in Champions League, Napoli, Lazio e Atalanta saranno impegnate in Europa League. I partenopei sono dei serissimi candidati alla vittoria finale della competizione, nonostante un girone più difficile e tortuoso del previsto. La squadra di Luciano Spalletti, nel duello finale e decisivo con il Leicester, è riuscita a portare a casa una vittoria di misura, che è valsa la qualificazione ai sedicesimi di finale. Il primo posto del girone è andato allo Spartak Mosca, che, incredibilmente, ha ottenuto il bottino pieno contro il Napoli sia all’andata sia al ritorno. Il momento cruciale della fase a gironi è arrivato proprio nel periodo di maggiore crisi degli azzurri, che hanno avuto a che fare con una serie di infortuni importanti.

Con l’organico pienamente a disposizione, il Napoli ha già dimostrato di poter competere con chiunque. L’ostacolo ai playoff è il Barcellona, clamorosamente retrocesso dalla Champions. La squadra di Xavi fa fatica a ritrovarsi, Insigne e compagni possono sicuramente giocarle un brutto scherzo. Se la Lazio non può contare su una rosa dello stesso livello di quella del Napoli, può contare su un allenatore che quella coppa l’ha già vinta recentemente con il Chelsea: Maurizio Sarri. I biancocelesti non stanno vivendo la miglior stagione degli ultimi anni, ma restano pur sempre una squadra pericolosa e di grande qualità. Lo strapotere di Milinkovic-Savic, la classe di Luis Alberto, la vena realizzativa di Immobile e l’esperienza di Pedro possono trascinare la Lazio a traguardi importanti.

Anche per gli aquilotti ci sarà da superare lo scoglio dei sedicesimi di finale, avendo terminato il girone sopra al Marsiglia ma alle spalle del Galatasaray. L’avversario sarà il Porto, retrocesso dalla Champions League dopo una battaglia agguerrita con Atletico Madrid e Milan. L’ostacolo è importante, ma non insormontabile. Allo scontro con i lusitani manca ancora più di un mese, in questo lasso di tempo i giocatori in maglia biancoceleste dovranno fare più passi in avanti possibili nell’assimilazione degli automatismi del gioco di Sarri. L’Atalanta, forse ancora più di Napoli e Lazio, almeno secondo gli appassionati di dati, statistiche, secondo coloro che conoscono quote e perfino le caratteristiche dei bonus di benvenuto per le scommesse, potrà certamente dire la sua fino al termine della competizione. Retrocessa dalla Champions League dopo la sconfitta nello scontro diretto contro il Villarreal, la squadra di Gasperini lotterà fino alla fine per portare a casa un trofeo europeo.

L’avversario ai sedicesimi di finale sarà l’Olympiacos, squadra ostica ma non di certo alla pari dei bergamaschi. La qualità dei nerazzurri negli spazi potrà essere un fattore determinante in Europa League, considerando il fatto che avversari più forti si contano su un paio di dita. In Conference League, competizione UEFA entrata in scena quest’anno per la prima volta, c’è la Roma. I giallorossi, dopo l’eliminazione a sorpresa del Tottenham, sono gli strafavoriti, insieme al Leicester, per la vittoria finale della competizione. Dopo la clamorosa disfatta contro il Bodo/Glimt, il rischio di perdere il primato del girone si è fatto più che concreto. Lo stop dei norvegesi sul campo dello Zorya Luhansk all’ultima giornata ha permesso alla Roma di ottenere la qualificazione agli ottavi di finale,, in questo modo José Mourinho e i suoi ragazzi non dovranno passare per i sedicesimi. La strada è ancora lunga, ma i presupposti per riportare un trofeo nella Capitale ci sono tutti.



Articoli Correlati

Rimani sempre aggiornato, diventa nostro Fan su Facebook!